Il mio primo video di viaggio: Sofia, Belgrado e Budapest

Ragazzi, non sapete quanto sono felice di mostrarvi il primo video di un mio viaggio! Oltre alle foto, che ad ogni rientro diventano sempre più incalcolabili, il successivo passo per avere un ricordo ancora più vivido delle mie avventure non poteva che essere quello dei video.

Ci avevamo già provato l’anno scorso nel nostro primo viaggio nei Balcani, ma la nostra GoPro, comprata da poco, aveva qualcosa che non andava e la qualità era davvero pessima. Una volta rientrati in Italia l’abbiamo portata in assistenza e ce l’hanno cambiata con l’ultimo modello. Così quest’estate c’abbiamo riprovato e per quanto siamo ancora alle prime armi sono contenta di mostrarvi il risultato (lo trovate in fondo all’articolo, mettete la qualità al massimo!). Non dobbiamo vincere nessun premio, è solo un modo carino per avere un altro ricordo dei nostri viaggi!

video di viaggio

Come ho montato il video

In passato avevamo già provato qualche programma, anche giusto per montare dei brevi spezzoni registrati con lo smartphone; questa volta invece abbiamo avuto l’occasione di provare il programma standard di Movavi. Questo software per la modifica e il montaggio video si è rivelato la soluzione ideale per il nostro primo tentativo serio. Movavi infatti è risultato essere facile da utilizzare e intuitivo, perché vi assicuro che io e Gianni non siamo chissà quali smanettoni del computer! Eppure, senza particolari difficoltà con Movavi siamo riusciti a montare un bel video del nostro viaggio di questa estate fra Sofia, Belgrado e Budapest.

Dal sito ufficiale potete scaricare gratuitamente il programma per fare le vostre prove e prendere confidenza; quando avrete deciso che è il programma che fa per voi potete scaricarlo con la licenza di un anno a €29,95 (o illimitata a €39,95) per togliere il watermark ed accedere a tutte le funzionalità. Se avete esigenze ancora più professionali e creative potrete anche acquistare la versione Plus o addirittura Business.

Come funziona Movavi

Come vi ho già detto, utilizzare Movavi è semplice ed intuitivo… infatti ce l’abbiamo fatta anche io e Gianni! 🙂

Sulla sinistra si apre il menù principale con tutte le funzioni del programma. La prima voce permette di importare i file dal proprio pc: i video che importiamo da qui in poi li troveremo sotto la voce “i miei file”. All’interno di questa sezione si trovano anche elementi che il programma mette a disposizione gratuitamente per arricchire il video: suoni, musica, contenuti video, sfondi e video introduttivi.

Alla seconda voce del menù si trovano i filtri, che sono tantissimi! Avrete un bel da fare per provarli tutti e trovare quello più adatto.

Alla terza voce si trovano le transizioni, cioè quegli effetti che si inseriscono per passare in maniera più fluida da un video all’altro. Anche qui c’è l’imbarazzo della scelta, anche se io preferisco di gran lunga i più semplici come la “dissolvenza”.

Alla quarta voce si trovano i titoli: in vari formati, dai più semplici ai più complessi, queste scritte permettono di arricchire il video con l’aggiunta di descrizioni e spiegazioni.

Alla quinta voce si trovano le decorazioni e cioè delle piccole immagini, tipo sticker, relative a vari temi da aggiungere al video per renderlo più divertente e colorato.

Alla sesta voce potete trovare le didascalie: si tratta di elementi grafici, come forme geometriche, simboli e frecce che possono tornarvi utili per rendere il vostro video più chiaro ed esplicativo in alcuni momenti.

Una volta impostato a grandi linee il vostro progetto, quindi dopo aver importato i video, scelto la musica, transizioni, titoli ed altri elementi che ritenete adatti, dovrete passare alla fase più delicata di rifinizione per rendere il tutto più fluido e coerente possibile.

Movavi per fortuna mette a disposizione alcuni strumenti utili che permettono una serie di miglioramenti e ritocchi importanti; ecco alcuni esempi di ciò che potrete fare: velocizzare o rallentare un video, togliere l’audio alle vostre clip, fare lo zoom o ritagliare porzioni di filmato, invertire il senso delle clip, stabilizzare il video se avete la mano un po’ tremolante, rimuovere i rumori, lavorare sui suoni e sull’individuazione dei ritmi in modo da bilanciare la musica con le sequenze video.

Set di effetti

effetti movavi

Nello store di Movavi si trova inoltre una sezione apposita nella quale si possono acquistare dei set di effetti aggiuntivi a tema. Questi set includono tantissimi altri titoli, decorazioni, sfondi, transizioni, audio, per rendere i vostri video più interessati, creativi e divertenti. A seconda dell’argomento trattato nei vostri video potete scegliere tra diversi set: blogger, cinema, istruzione, viaggi, famiglia, stagioni, ecologia, fitness, tecnologia, matrimonio e feste natalizie.

Io ovviamente ho scelto quello dedicato ai viaggi, potete quindi vedere qualche elemento del set all’interno del mio video.

Vedrete che lavorare con Movavi è più facile a farsi che a dirsi!

Adesso vi lascio qui il nostro primo video (devo dare quasi tutto il merito a Gianni a dire il vero) girato fra Sofia, Belgrado e Budapest. Mi raccomando, ci tengo moltissimo alle vostre opinioni, lasciatemi un commento per dirmi cosa ne pensate 😉 Mettete la qualità al massimo perché quella automatica è troppo bassa!

Questo post è stato scritto in collaborazione con Movavi

2 thoughts on “Il mio primo video di viaggio: Sofia, Belgrado e Budapest”

  1. bravissimi! Sofia mi ispira un sacco, ma mi tornano utili anche i suggerimenti sul programma: sto cominciando a realizzare anche io video di viaggi (attualmente sono una booktuber) e mi serve un programma che funzioni un po’ meglio di kinemaster (che è una app del telefonino).
    Mi sono segnata anche i consigli su Marrakesh: partiamo a fine mese! 😉

    1. Ciao Claudia! Grazie mille 🙂 Ritengo Movavi una buona soluzione e il prezzo non è niente male! Puoi provare e vedere come ti trovi. Buon Marocco 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quali avvisi vuoi ricevere?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.