Tel Aviv: cosa vedere in due giorni e altri consigli utili

Cosa vedere a Tel Aviv in due giorni? Scoprire la città più moderna e cosmopolita di Israele, fra l’affascinante città vecchia di Jaffa, mercati alimentari, spiagge, musei e quartieri Bauhaus e trendy.

tel aviv cosa vedere in due giorni

Il mio viaggio in Israele è stato a Gennaio e purtroppo i due giorni a Tel Aviv hanno risentito un po’ del meteo; per almeno metà del tempo ha piovuto e questo non mi ha permesso di godermi a pieno la città. A meno che non decidiate di andare a Tel Aviv d’estate e quindi di trascorrere anche giornate intere sulle sue vivaci spiagge a prendere il sole, direi che per visitare Tel Aviv due giorni sono sufficienti. Soprattutto se consideriamo quanto c’è da vedere e fare in tutto il resto di Israele e quanto sia bella Gerusalemme.

Cosa vedere a Tel Aviv in due giorni

Jaffa

In caso abbiate un solo giorno a Tel Aviv, cosa vedere se non Jaffa? Il mio consiglio spudorato è di passare dalla vecchia Yafo e trascorrere qui almeno mezza giornata. Jaffa – o Yafo – è un’antichissimo nucleo a maggioranza araba che – nonostante le distruzioni durante le sollevazioni arabe e la guerra di indipendenza – oggi, grazie ad opere di restauro, mantiene un impianto e un’atmosfera totalmente diversa da Tel Aviv. Case in mattoni dalle tonalità giallo ocra, finestrelle blu, botteghe di artisti e artigiani dove fare scorta di bellezza e souvenir unici. Jaffa è particolarmente famosa per il suo porto, considerato uno dei più antichi al mondo e addirittura citato nella Bibbia. Il punto però da cui solitamente si parte per esplorare Jaffa è la Torre dell’Orologio, anche se l’attrazione principale del paese è il suo mercatino delle pulci: un labirinto di stradine e suk, fra merce alla rinfusa, bancarelle e caffè e ristoranti alla moda. Tra gli edifici da non perdere c’è il Monastero di San Pietro e il giardino sulla collinetta adiacente dalla quale ammirare un bel panorama sulla città. Nelle vicinanze potete passeggiare su un piccolo ponte – il Wishing Bridge – decorato con i segni zodiacali: si dice che toccare il proprio segno zodiacale osservando il mare porti fortuna. Altro luogo di interesse particolare da vedere a Jaffa Tel Aviv è l’installazione chiamata Floating Orange Tree, dell’artista israeliano Ran Morin: un piccolo arancio che cresce sospeso e ingabbiato in una grande brocca di terracotta.

jaffa tel aviv cosa vedere
cosa vedere a tel aviv: jaffa
tel aviv jaffa mercatino delle pulci

Carmel Market

Il Mercato Carmel di Tel Aviv è il mercato più animato e famoso della città israeliana, il luogo perfetto per una pausa pranzo alla scoperta della cucina locale e più autentica. Il tipico mercato medio-orientale, affollato, chiassoso e confusionario, dove assaggiare street food fra un banco e l’altro lasciandovi ispirare dagli odori e dai colori. Fra il cibo israeliano che vi consiglio di assaggiare al mercato c’è la pita Zaatar: una focaccina cosparsa da un mix di spezie ed erbe.

Quartiere Neve Tzedek

Uno dei quartieri di Tel Aviv più interessanti e carini da visitare è sicuramente Neve Tzedek: il quartiere più antico della città, dal quale sono passata a piedi sulla strada per raggiungere Jaffa. Fondato nel 1887, il quartiere si snoda intorno a Shabazi Street ed è caratterizzato da una vita decisamente più calma e ordinata rispetto al resto della città. Qui si trovano numerosi bar e caffè dall’aria bohémien, ma soprattutto gallerie d’arte, negozi di abbigliamento vintage e botteghe artigianali dove fare shopping.

quartieri tel aviv da vedere: neve tzedek

Quartiere Bauhaus

Se siete interessati all’arte e all’architettura non potete perdervi un giro nella cosiddetta White City, quartiere conosciuto appunto per i suoi numerosi edifici in stile Bauhaus. Si conta che a Tel Aviv siano presenti oltre 4000 case Bauhaus, costruite tra il 1920 e il 1940. Per capire meglio la storia e le caratteristiche del movimento nella città israeliana, potete visitare il Bauhaus Centre al 77 di Dizengoff Street.

Florentin

Florentin è un altro quartiere da vedere a Tel Aviv: definito come il quartiere artistico della città, dove immortalare alcune tra le più belle opere di street art della città. Nelle vie di questo quartiere, sicuramente lontano dall’immagine moderna che si può avere di questa città prima di metterci piede, si alternano le opere di molti artisti famosi: Dede, James Ame, Murielle, Frenemy e tanti altri.

visitare tel aviv: street art in Florentin

Casa di Ben Gurion e Rabin Square

Se siete interessati ad una passeggiata nella storia, vi consiglio di visitare – gratuitamente – la casa del primo premier israeliano. La casa si trova in Ben Gurion Boulevard al nr. 17 e ospita una serie di cimeli, documenti, fotografie e reperti appartenuti allo statista. Incredibile è il numero di libri – in varie lingue – posseduti da Ben Gurion e che riempiono quasi tutte le stanze. Con una passeggiata di circa 15 minuti potete poi raggiungere Rabin Square: qui, un piccolo monumento commemorativo ricorda il luogo in cui è avvenuto l’omicidio del primo ministro Yitzhak Rabin nel 1995.

Se avete in mente un itinerario storico per vedere Tel Aviv in due giorni, avete l’imbarazzo della scelta; ci sono molti altri luoghi ed edifici di importanza storica da visitare: la Sala dell’Indipendenza, il Museo dell’Haganah, il Museo Jabotinsky, il centro culturale Beit Ha’ir, il Beit Hatfutsot, il Museo del Palmach, il Museo Eretz Israel, per citare i più famosi.

Lungomare e spiagge

Il lungomare di Tel Aviv è molto famoso; lungo circa 14km e suddiviso in diverse zone, lo rendono una meta perfetta per un weekend di mare d’estate. L’acqua è pulita, le spiagge sono attrezzate e qui trovano il loro posto ideale tutti: dai festaioli alle famiglie con bambini, dai più anziani al mondo LGBT, fino a coloro che non rinunciano alla compagnia del loro amico a quattro zampe. Ovviamente, essendo stata io in Israele a Gennaio non mi sono goduta la vita balneare, ma semplicemente una bella e suggestiva camminata sul lungomare al tramonto. Nonostante l’inverno i locali sulla spiaggia erano aperti e pieni di giovani, così come i surfisti cavalcavano le onde e tante altre persone facevano jogging o si divertivano suonando e ballando in gruppi.

Una camminata sul lungomare della città al tramonto è stato il modo perfetto per salutare questi due giorni a Tel Aviv.

tel aviv cosa vedere: lungomare e spiagge

Dove dormire a Tel Aviv

Mi permetto di darvi un consiglio su dove dormire a Tel Aviv, visto che io mi sono trovata molto bene. Per i miei due giorni a Tel Aviv ho soggiornato all’Abraham Hostel, una catena di ostelli presente in Israele e che io avevo appena utilizzato anche per dormire a Gerusalemme. La mia esperienza è stata più che positiva; all’interno è presente un bar che serve buoni piatti – anche se un po’ cari – una grande sala comune per rilassarsi o prendere parte alle varie iniziative (come la cena dello Shabbat il venerdì sera). Inoltre, l’ostello ha anche un interessante programma di tour organizzati per visitare la città o il resto del paese.

da tel aviv a gerusalemme
Jaffa

Da Tel Aviv a Gerusalemme

Le due città più importanti di Israele distano nemmeno 70 km l’una dall’altra. Oltre al taxi o all’auto a noleggio, il modo più semplice per raggiungere Gerusalemme da Tel Aviv, in circa 50 minuti, è l’autobus.

La compagnia israeliana da controllare online, ed eventualmente dove acquistare il biglietto in anticipo, è Egged. Ci sono due linee che collegano Tel Aviv a Gerusalemme: la 480 parte dalla stazione ferroviaria Arlozorov (ogni dieci minuti), mentre la 405 parte dalla stazione centrale di Tel Aviv (ogni 20 minuti). Il costo del biglietto sola andata è di 18 ILS, ma comprandone uno andata e ritorno risparmierete qualcosa. Se invece partite direttamente dall’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv potete prendere la linea 485 direttamente dal terminal principale, per circa 16 ILS questo bus vi porterà alla stazione centrale degli autobus di Gerusalemme.

Dovete però tenere conto che gli autobus non circolano durante lo Shabbat, cioè dal venerdì sera al sabato sera. Per ovviare a questo problema, alla stazione centrale si trovano comunque dei taxi collettivi (monit sherut); per la partenza dovrete solo attendere che questo sia pieno, quindi non ci sono dei veri e propri orari di partenza stabiliti. Questa opzione la trovate 7 giorni su 7 anche in partenza dall’aeroporto di Tel Aviv.

Per raggiungere Gerusalemme direttamente dall’aeroporto di Tel Aviv, e viceversa, in minor tempo e senza correre il rischio di ritardo per il traffico, da poco tempo è disponibile anche il treno ad alta velocità. Dalla nuova stazione di Yitzhak Navon a Gerusalemme all’aeroporto, il tragitto dura solamente 25 minuti e il biglietto costa 17 ILS. Ricordate che la stazione di Yitzhak Navon è chiusa il venerdì e il sabato.


Con questo post spero di essere stata abbastanza esauriente su cosa vedere a Tel Aviv in due giorni e avervi dato un po’ di consigli utili per visitarla al meglio. Che ne dite, vi ispira come città?

2 thoughts on “Tel Aviv: cosa vedere in due giorni e altri consigli utili”

  1. Non ci sono mai stata, molto interessante come sempre il tuo articolo! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quali avvisi vuoi ricevere?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.