Cosa vedere a Pistoia in un giorno: itinerario a piedi

Era da molto tempo che nelle mie intenzioni c’era quello di scrivere questo post: un post sulla mia città. Cosa vedere a Pistoia, qualche spunto e consiglio per trascorrere qui una giornata o un weekend.

Questo 2020 ci ha “costretti” a guardarci meglio intorno, a scoprire e riscoprire più approfonditamente il nostro territorio. In anni di attività su questo blog, dove vi ho parlato di svariati angoli del mondo, anche remoti, non ho mai dedicato spazio alla città in cui sono cresciuta.

Pistoia invece merita assolutamente uno spazio; uno dei capoluoghi toscani che immeritatamente non è molto conosciuto dagli stessi corregionali. Eppure Pistoia ha molto da offrire: è una città dove non manca niente – o quasi – ma allo stesso tempo è tranquilla e a misura d’uomo.

cosa vedere a pistoia

Voglio quindi raccontarvi la mia città e cosa vedere a Pistoia in un giorno.

Pistoia: cosa vedere

Ecco un ideale itinerario per visitare Pistoia in un giorno.

Piazza del Duomo

Iniziamo dalla piazza per eccellenza della città, quella dove si trova la Cattedrale di Zeno; secondo la tradizione inizialmente la cattedrale era intitolata a San Martino, fu sotto la dominazione longobarda che venne intitolata a San Zeno. La cattedrale ha una facciata in stile romanico e custodisce le reliquie di San Jacopo, patrono della città, all’interno di un altare argenteo. Adiacente alla Cattedrale troviamo il campanile dal quale si può godere di una splendida vista sulla città, dopo aver salito i suoi 200 scalini e raggiunto i 67 metri di altezza.

Di fronte alla Cattedrale possiamo vedere il Battistero di San Giovanni: risalente al trecento, l’edificio è realizzato in stile gotico con decorazioni in marmo bianco e verde. Oggi questo spazio è aperto per mostre ed eventi.

Sulla piazza si affacciano anche altri importanti edifici; il Palazzo Vescovile, per esempio, che per otto secoli è stato appunto la residenza del Vescovo. Durante i secoli ha subìto numerose opere di restauro fra le quali una a fine anni ’70 che ha permesso che venissero riportati alla luce gran parte delle strutture e dell’aspetto originario. Oggi l’edificio ospita: l’Ufficio del Turismo, il Museo Tattile, il Museo della Cattedrale e un percorso archeologico che espone le stratificazioni della città, dall’epoca romana ad oggi.

In Piazza del Duomo a Pistoia troviamo poi il Palazzo degli Anziani, costruito tra XIII e XIV secolo che è ancora oggi sede del municipio cittadino e del Museo civico della città.

Ultimo edificio degno di nota che si trova in Piazza del Duomo a Pistoia è il Palazzo Pretorio, sede del tribunale della città, il cui attuale aspetto risale al 1846.

pistoia cosa vedere: piazza del duomo

Piazza della Sala

A pochi passi da Piazza del Duomo troviamo uno dei luoghi più caratteristici della città, luogo di ritrovo per eccellenza dei giovani pistoiesi. Questa piazzetta si colora e si anima ogni mattina con i banchi della frutta e della verdura dove fare una genuina spesa quotidiana di prodotti freschi. Alla sera invece i suoi frequentatori cambiano decisamente; qui si riversano in particolare giovani che, sconfinando anche nell’adiacente Piazzetta degli Ortaggi, si siedono ai tavoli dei locali per un aperitivo o una bevuta dopo cena.

piazza della sala pistoia
pizzetta ortaggi pistoia

Al centro della piazza si trova il Pozzo del Leoncino, detto così perché nel 1529 un leoncino in pietra arenaria fu collocato al di sopra dell’architrave del pozzo per celebrare il dominio definitivo di Firenze su Pistoia.

Giardino di Cino

Dietro Via della Torre, molto nascosto, si trova un angolo particolare da vedere a Pistoia. Si tratta di un progetto di rigenerazione urbana che ha ridato vita a Piazzetta Sant’Atto e Vicolo dei Bacchettoni: uno spazio d’arte, luogo d’incontro e di eventi che ospita un bellissimo murales dello street artist Millo.

pistoia cosa vedere: giardino di cino

Via della Torre

Tornando un attimo sui nostri passi, dietro il Palazzo Vescovile, si trova una delle vie più antiche e fotogeniche da vedere a Pistoia. Il nome, Via della Torre, si riferisce alla presenza di due torri nella parte finale della strada. L’aspetto più interessante di questo vicolo sono gli archi in pietra ancora integri.

Chiesa di San Bartolomeo in Pantano

Seguendo questo itinerario per visitare Pistoia in un giorno, a pochi passi da Via della Torre, trovate una piazzetta che a me riporta sempre con la mente ad altri tempi e luoghi. Un posto poco frequentato ed appartato dove sorge questa chiesa fondata in epoca longobarda.

Ai Canonici Lateranensi dell’Ordine di Sant’Agostino, detti Rocchettini, subentrati qui nel 1433, si deve una tradizione che perdura ancora tutt’oggi in città: il 24 agosto, festa di San Bartolomeo, si pratica un’unzione sulla fronte dei bambini per preservarli dalle insidie degli spiriti. In questa occasione a Pistoia si vendono dei dolci chiamati “corone”, fatti a forma di collana con grani di pasta frolla e un grosso medaglione al centro.

san bartolomeo pistoia

Pistoia sotterranea

Una volta da queste parti prendete via Filippo Pacini e in pochissimi minuti raggiungete il vecchio ospedale “del Ceppo” di Pistoia (in funzione dal 1277 al 2013). All’esterno potete ammirare la decorazione del loggiato: un fregio in terracotta dipinta e invetriata realizzato da Santi Buglioni e i tondi eseguiti dal 1525 da Giovanni della Robbia che raffigurano l’Annunciazione, la Gloria della Vergine, la Visitazione e lo stemma mediceo.

Se però avete poco tempo e vi state chiedendo a Pistoia cosa vedere, non perdetevi l’interno! Da non molti anni, infatti, qui è possibile visitare “Pistoia sotterranea“: un percorso di 650 metri che mostra l’evoluzione urbanistica della città nei secoli. Durante la visita si vede anche il “teatro anatomico“: luogo adibito alle dimostrazioni anatomiche effettuate tramite dissezione di cadaveri, per gli studenti della Scuola di Medicina. Un tour da non perdere per conoscere la città sotto un punto di vista diverso e assolutamente non convenzionale.

pistoia sotterranea

Piazza dello Spirito Santo

Tornando sui nostri passi, verso Piazza del Duomo, fra le cose da vedere a Pistoia c’è sicuramente questa piazzetta denominata anche “piazza delle scarpe” perché qui si trovano i banchi del mercato cittadino, che si tiene due volte a settimana, e che appunto vendono calzature.

Ho riscoperto questa piazza solo di recente ed è diventata sicuramente uno dei miei luoghi preferiti della città; come San Bartolomeo, infatti, questa zona di Pistoia è molto tranquilla. La piazza ospita la statua del Cardinale Forteguerri (realizzata nel 1939 grazie ad un lascito di Niccolò Puccini), una palma e antichi palazzi nobiliari. Qui, nel  XVII  secolo furono costruiti la chiesa e il convento dei Gesuiti.

piazza delle scarpe pistoia

Pieve di Sant’Andrea

Uscendo dalla Piazzetta dello Spirito Santo in direzione Via de’ Rossi, arriviamo in Via Sant’Andrea dove si trova l’omonima Pieve risalente all’VIII secolo. La chiesa conosciuta in particolare per custodire al suo interno il celebre Pulpito di sant’Andrea di Giovanni Pisano.

Palazzo Fabroni, Museo del Novecento

Se avete voglia di un po’ di arte contemporanea, quando vi trovate a visitare Pistoia, dall’altro lato della strada rispetto alla Pieve trovate il Museo del Novecento e del Contemporaneo – uno dei quattro musei civici di Pistoia. Palazzo Fabroni, dal nome della nobile famiglia pistoiese che qui risiedeva fino al 1842, ospita la collezione permanente di arte moderna e contemporanea del Comune di Pistoia e prevede un itinerario attraverso il panorama artistico dagli anni Venti del ‘900 fino ai giorni nostri. Ovviamente in calendario non mancano mostre temporanee ed eventi culturali.

Montuliveto

Attraversata la poco distante Piazza San Francesco, meglio conosciuta come Piazza Mazzini, si nasconde un parco recentemente riqualificato. Qui, soprattutto durante le sere d’estate, potete rilassarvi e incontrare molti giovani che bevono e mangiano nel locale che qui è stato aperto. Potete sedervi al tavolo, al riparo di una serra, oppure scegliere una sdraio da posizionare nel giardino per passare una serata in compagnia.

pistoia itinerario: montuliveto

San Giovanni Fuorcivitas

Da Montuliveto potete di nuovo attraversare Piazza San Francesco, prendere Via Pietro Bozzi e proseguire sempre dritto per entrare nel centro della città dove si trovano soprattutto negozi e bar. Camminando raggiungerete un’altra luogo importante da visitare a Pistoia: la Chiesa di San Giovanni Fuorcivitas – letteralmente “fuori le mura”; questo perché ai tempi della sua fondazione longobarda si trovava al di fuori della prima cerchia di mura cittadine. Fra le opere più importanti che si possono vedere al suo interno c’è il gruppo in terracotta invetriata bianca della Visitazione di Luca della Robbia

Seguendo questo itinerario a piedi della città vi sarete fatti un’idea di cosa vedere a Pistoia in un giorno; consapevoli che potreste tranquillamente dedicare alla città almeno un altro giorno per approfondire la visita.

2 thoughts on “Cosa vedere a Pistoia in un giorno: itinerario a piedi”

  1. Non ci sono mai stata, ma in realtà credo che l’adorerei come tutta la Toscana! 😉

    1. Sara L'Esploratrice says:

      Ti aspetto allora 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quali avvisi vuoi ricevere?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.