Castiglione della Pescaia e dintorni: acqua azzurra e borghi medievali

La scorsa estate, oltre al consueto periodo trascorso in Versilia, il mare più vicino a casa, io e Gianni siamo stati ospiti di amici su di una bellissima barca a vela ormeggiata nel porto di Punta Ala.

Questi tre giorni sono stati l’occasione per scoprire una parte di Toscana che non conoscevo per niente. Vi voglio quindi qui proporre un breve itinerario all’insegna di acqua azzurra e borghi caratteristici. Che ne dite?

E se dopo aver letto questo post vi viene davvero voglia di esplorare questa zona provate a dare uno sguardo al sito di Weekendesk. Qui potete trovare esperienze sportive e di benessere, degustazioni, cene, soggiorni, pacchetti tematici per tutti i gusti e una volta scelto ciò che fa per voi prenotare facilmente grazie all’intuitivo sito, così da partire il prima possibile alla scoperta di questa bellissima regione, ma anche di tutta Italia.

Siete pronti per questo itinerario a sud della Toscana? Allora, partiamo!

in barca

Punta Ala

La nostra base per questi giorni è stata Punta Ala. Questa località, nota anche in passato come Punta Troia,  è una frazione del comune italiano di Castiglione della Pescaia, nella provincia di Grosseto. Il porto turistico del luogo è anche conosciuto per le regate veliche che vengono organizzate dallo Yacht Club locale, culla di Luna Rossa.

Anche se non siamo usciti al largo con la barca, sono stati tre giorni di puro relax. La mattina ci svegliavamo con calma e preparavamo la ricca colazione che ci saremmo gustati fuori al tavolo mentre una leggera brezza, per fortuna, tirava risollevandoci dalle alte temperature che in quei giorni di primo agosto stavamo soffrendo. La sera eravamo contenti di tornare in barca dopo una giornata di mare per goderci una cena leggera illuminati da poche e piccole luci che rendevano le nostre serate a base di chiacchiere e canzoni suonate con la chitarra ancora più speciali e magiche.

colazione in barca punta ala

Al porto inoltre c’è anche una passeggiata carina dove uscire la sera per una cena, una bevuta o una sessione di shopping se volete.

La zona del porto di Punta Ala è molto carina e ben organizzata. A meno di 5 minuti a piedi si trova anche una piccola spiaggia, in parte attrezzata e in parte libera, con un mare bellissimo dove ogni giorno ci tuffavamo e giocavamo a beach volley.

Dalla spiaggia è possibile vedere alcuni isolotti, il più grande dei quali è l’Isolotto dello Sparviero o Isolotto della Troia,  e degli scogli affioranti denominati Scogli Porchetti (o Porcellini). Sull’Isolotto della Troia si trova la Torre degli Appiani, una torre di avvistamento di epoca medievale eretta appunto dagli Appiani signori del Principato di Piombino.

punta ala

Castiglione della Pescaia

Dopo due giorni di mare abbiamo deciso di esplorare un po’ i dintorni di questa bella zona nel sud della Toscana e lo abbiamo fatto partendo con la visita di Castiglione della Pescaia. Prima di metterci piede l’avevo sempre pensata come una semplice località balneare con un bel mare, ma una volta arrivata lì mi sono accorta che questo paese nascondeva ben altro. Il cuore di Castiglione della Pescaia è un borgo medievale acciottolato che sa di altri tempi.

L’antico centro medievale arroccato sulla collina di Poggio Petriccio, a dominare la foce del fiume Bruna, è cinto da mura medievali costruite da aragonesi e pisani.

scorcio Castiglione della Pescaia

borgo Castiglione della Pescaia

Nel centro storico si possono visitare edifici ben conservati come la Chiesa di Santa Maria del Giglio e la Chiesa di San Giovanni Battista. In alto invece si trova il Castello di Castiglione, non visitabile all’interno, dal quale si gode di una vista bellissima sulla costa e sulla pianura maremmana.

Passeggiando per il borgo di Castiglione della Pescaia potete godere di incantevoli scorci, casine deliziose dove vorreste trasferirvi l’indomani, perfettamente adornate di fiori e piante. Ristoranti e bar che si inseriscono in modo naturale all’interno dell’antico paese arricchendolo di dettagli unici ed originali.

Castiglione della Pescaia

dettagli Castiglione

a spasso per Castiglione

Il borgo di Castiglione della Pescaia è stata una vera e propria scoperta, una passeggiata che mi lasciava meravigliata e sempre più curiosa ad ogni passo e ad ogni angolo. Vorresti sempre spingerti un pochino più in là, sbirciare ancora un po’, affacciarti in quel cortile, scorgere qualcosa dietro quella porta così perfettamente dipinta e abbellita che non può che nascondere qualcosa’altro di tanto prezioso.

Se vi trattenete da queste parti almeno una sera ho anche il posto perfetto dove mangiare da consigliarvi. I nostri amici con la barca sono assidui frequentatori della zona ormai da tempo e sono stati proprio loro a portarci da “Da Paguro – Merenderia”. Se non lo si conosce non è facile da trovare perché rimane un po’ imboscato, quindi segnatevi questo indirizzo: Via delle Collacchie.

vineria Castiglione della Pescaia

La Merenderia è un locale perfetto per trascorrere una cena durante l’estate, i tavoli si trovano infatti sotto un bel pergolato arieggiato. Il menù comprende crostini, prosciutto e melone, taglieri di affettati e formaggi, panini, verdure grigliate, ma soprattutto una buonissima e abbondante grigliata mista. I prezzi sono giusti.

Cala Violina

L’ultima mezza giornata, prima di tornare a casa, l’abbiamo trascorsa in quella che un tempo era una caletta poco conosciuta e frequentata e che oggi invece è presa d’assalto dai turisti: Cala Violina (di cui vi ho già parlato qui). Il fascino non sarà più lo stesso, le persone sono costrette a stendersi a 1 metro l’uno dall’altro in alta stagione e per accaparravi un buon posto dovete arrivare di prima mattina. Ma il mare è bellissimo e si respira comunque un’aria diversa dalle solite spiagge visto che il litorale è piccolo e dietro si estende un bosco per diversi chilometri a separarci dalla “civiltà”.

Io c’ero già stata un paio di volte e visto che ormai era pomeriggio inoltrato ci siamo soffermati giusto il tempo di un bagno. Si è rivelata un’ottima soluzione per affrontare il viaggio di ritorno in autostrada un po’ più freschi.

E voi avete mai visitato questa zona della Toscana? Io vorrei tornarci più spesso ed approfondire, perché oltre ad un mare bellissimo qui si trovano anche borghi caratteristici, agriturismi e tanta natura dove potersi avventurare facendo esperienze diverse dal solito.

Cala Violina dall'alto

Cala Violina

Post scritto in collaborazione con Weekendesk

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.