Un giorno in Liguria: Santa Margherita Ligure e Camogli

Non è la prima volta che sul blog vi parlo di Liguria e questo perché è una regione che ho avuto modo di visitare più volte e di innamorarmene ogni volta sempre di più. Vi ho raccontato di come le Cinque Terre siano uno dei luoghi del mio cuore e di come recentemente ho avuto modo di scoprire altri paesi e borghi tra la Val di Magra e il Golfo dei Poeti.

Sapevo che avrei trascorso quasi tutto il mese di agosto in Versilia e allora mi ero promessa che ne avrei approfittato per tornare almeno un altro giorno in questa coloratissima e romantica regione.
Questa volta è stata quindi l’occasione per visitare Santa Margherita Ligure e Camogli.

Visitare Santa Margherita Ligure

Santa Margherita Ligure è situata sulla Riviera ligure di Levante, all’interno del Golfo del Tigullio e a circa 30 km da Genova.

La visita a Santa Margherita Ligure è iniziata con una passeggiata sotto il sole sull’elegante lungomare dove sono presenti diversi stabilimenti balneari attrezzati – con caratteristiche cabine colorate – dove potrete appunto godervi una giornata di mare se non avete voglia di camminare e visitare il paese.

santa margherita ligure

Passeggiando sul lungomare, non lontano dalla zona portuale e dalla fermata dei traghetti, sulla strada noterete il Castello di Santa Margherita Ligure, costruito nel 1550. Purtroppo non è possibile visitare il castello all’interno perché è aperto solo in occasione di mostre, ricevimenti o eventi particolari.

castello santa magherita ligure

Rientrando in paese e risalendo la collina troverete l’entrata a “Villa Durazzo”, composta da due dimore storiche nobiliari, da un parco-giardino all’italiana e dal museo artistico “Vittorio Giovanni Rossi”. Personalmente ho visitato solo il parco, al quale si accede facilmente e gratuitamente. Salendo lungo il sentiero scorgerete piano piano una bellissima villa di colore rosso e, adiacente ad essa un elegante ed esotico parco dove sono presenti statue, fontane, panchine per riposarsi all’ombra, viottoli, rose, magnolie, palme e soprattutto una bellissima vista sul golfo sottostante.

villa durazzo

giardino Villa Durazzo

Scendendo in paese sicuramente farete tappa nella piazza principale – Piazza Caprera – dominata dal bellissimo e imponente Santuario di Nostra Signora della Rosa di impostazione barocca. Qui e nelle vie circostanti troverete bar, ristoranti e negozi a volontà.

Visitare Camogli

A nemmeno 20 minuti di auto da Santa Margherita Ligure si trova un altro paese dal golfo tutto colorato e dall’acqua azzurra: Camogli.

Passeggiando nella parte più alta del paese, dove ci sono i parcheggi e la stazione ferroviaria, volgete il vostro sguardo in basso in direzione della costa, fra le stradine che costeggiano le case e i palazzi scorgerete di tanto in tanto delle finestra di azzurro abbagliante che altro non è che il mare. Ovviamente la voglia di scendere giù è tanta, ed è lì che troverete la Camogli da cartolina.

golfo di Camogli

Una volta conclusa la passeggiata lungomare, al limite ovest del golfo troverete la Basilica Minore di Santa Maria Assunta che si erge su quella che un tempo era l’isola di Camogli, perché sì Camogli un tempo era un’isola! Salite le scale per raggiungere la chiesa e da lì raggiungerete anche il Castello della Dragonara, di origine medievale. Da qui avrete una vista bellissima, dall’alto, di tutto il golfo di Camogli.

castello della dragonara
La zona antistante alla chiesa è quella del caratteristico porticciolo, dal quale potrete intraprendere una breve camminata sotto i piccoli portici fino a raggiungere l’estremità del molo.

case Camogli

Questa breve giornata comprende solo delle tranquille passeggiate nel centro dei due paesi, ma la zona, se siete interessati, è anche famosa per suoi sentieri e trekking che da qui si possono intraprendere all’interno del Parco naturale regionale di Portofino.

Come muoversi

Dovendo noi proseguire il viaggio in Costa Azzurra, ci siamo spostati sulla riviera ligure con l’automobile ma è abbastanza evidente come, soprattutto nei mesi estivi, la situazione non sia delle più facili. I parcheggi sono abbastanza cari e dovrete mettere in conto di girare un po’ prima di trovare qualche posto libero. E considerate che non siamo riusciti ad arrivare a Portofino perché i vigili lungo la strada ci hanno rispedito indietro a causa dei parcheggi al completo in paese. Se volete raggiungere Portofino da Santa Margherita Ligure vi consiglio di prendere da lì l’autobus.

Una soluzione alternativa per muoversi tra Santa Margherita Ligure e Camogli potrebbe essere quella di affidarsi al treno, infatti entrambi i paesi hanno una stazione ferroviaria.

Un’altra alternativa, più cara ma sicuramente più suggestiva è divertente è quella di muoversi attraverso i traghetti gestiti dal Servizio Marittimo del Tigullio o altre compagnie, come Golfo Paradiso, che raggiungo anche Camogli.

P.S.: mi raccomando, quando vi trovate da queste parti non dimenticatevi di assaggiare la famosa e buonissima focaccia al formaggio di Recco – tutelata dal marchio europeo IGP . Non sarà difficile trovarla in ogni bottega e panificio!

One thought on “Un giorno in Liguria: Santa Margherita Ligure e Camogli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *