Gli Horti Leonini: dove, cosa e soprattutto perchè

Gli Horti Leonini e tutta la Val d’Orcia sono il luogo perfetto per passare delle giornate in relax, immersi nel verde.

La Val d’Orcia, in provincia di Siena, è una meravigliosa vallata verde che fa da cornice a deliziosi paesini romantici e dal sapore antico, come Pienza e Montepulciano e come San Quirico, paese nel quale si trovano appunto questi giardini. L’entrata degli Horti Leonini si trova nella piazza principale, Piazza della Libertà.

Ma cosa sono questi famosi Horti? Si tratta di bellissimi giardini pubblici nati a fine 1500 per volere di Diomede Leoni, nato appunto a San Quirico e figura di spicco a contatto con i più importanti artisti di allora (si dice fosse accanto a Michelangelo al momento della sua morte).

Entrata Horti Leonini

La superficie degli Horti Leonini è distribuita su due livelli: quello inferiore disegnato con riquadri disposti a raggiera e quello superiore caratterizzato da un bosco di lecci che salgono verso l’alto. Per farvi capire meglio in questa foto vedete gli Horti Leonini dall’alto.

Horti Leonini - San Quirico d'Orcia

[credits: in-toscana.it]

I due livelli sono collegati da una lunga e pittoresca scalinata.

Horti Leonini - San Quirico d'Orcia

Lungo il corridoio centrale, prima della scalinata, troviamo la statua di Cosimo III dei Medici che si trova qui però solamente dal 1951, mentre all’inizio della scalinata troviamo un tavolo con la testa di Giano bifronte.

Statua Cosimo III dei Medici

Statua Giano bifronte

Ma non è finita qui, proseguendo oltre la scalinata troverete un piazzale erboso (adesso un po’ abbandonato direi) che vedeva ergersi in passato la medievale torre del Cassero, abbattuta durante la seconda guerra mondiale.

Tornando nella parte inferiore degli Horti Leonini e fiancheggiandoli lungo il lato sinistro, accederete al grazioso (almeno in primavera – estate) Giardino delle Rose.

Perché visitare gli Horti Leonini? La mia visita è avvenuta d’inverno e come si vede anche dalle foto purtroppo era un po’ nuvoloso. Ma nonostante questo l’atmosfera che si riesce comunque a respirare è di totale pace e serenità, questo soprattutto se si ha la fortuna di visitarli in quasi totale solitudine. Pensate come in una bella giornata estiva questi giardini possano sprigionare ancora meglio tutta la loro bellezza, con la complicità del gioco di geometrie e del verde brillante baciato dal sole.

Il luogo ideale per una passeggiata di relax e per immergersi con la fantasia, come piace a fare a me, in quello che questo posto poteva essere 500 anni fa. Io me lo immagino già.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *